Dramma nuova malattia tra i giovani: Fate molta attenzione!

Dramma nuova malattia tra i giovani: Fate molta attenzione!

51074
0
SHARE

Dramma nuova malattia tra i giovani: Fate molta attenzione!
Nonostante le malattie infettive siano in drastico calo per via delle profilassi ormai diffuse a livello europeo, il trend di quelle che si trasmettono sotto le lenzuola, in realtà,==>Continua a Leggere…

segue un trend diametralmente opposto.
Clamidia, gonorrea e sifilide sono le più diffuse e contro queste malattie non sono disponibili vaccini. L’istantanea è stata scattata dall’European Centre for Disease Prevention and Control (Ecdc), con gli ultimi dati disponibili (relativi al 2013). L’infezione da Chlamydia trachomatis rimane la più diffusa, tra quelle sessualmente trasmesse: 146 milioni i nuovi casi ogni anno, 385mila soltanto in Europa due anni fa. Ma a preoccupare è soprattutto il “boom” della gonorrea (la malattia è nota anche come “scolo”), la cui incidenza risulta cresciuta del 78%, dal 2008 a oggi. A contrarla sono soprattutto gli uomini.

Gli esperti del centro di Stoccolma hanno detto “Il trend, in questo caso, sembra legato all’aumento dei rapporti omosessuali”. A complicare i piani di chi si muove per fare prevenzione, c’è l’aspetto “silente” della maggior parte di queste infezioni. Così, per esempio, oltre a un’ampia fetta della popolazione che ne risulta inconsapevolmente portatrice, sono in pochi a sapere che la Chlamidia espone a un rischio cinque volte più alto di contrarre l’infezione da Hiv (responsabile dell’Aids), oltre al rischio di infertilità e gravidanza extrauterina.

Lo stesso discorso è valido per la gonorrea che, se trasmessa dalla mamma incinta al futuro neonato, può provocargli cecità, infiammazioni articolari o sanguigne. Proprio la gonorrea è salita alla ribalta nelle ultime settimane nel nord della Gran Bretagna, dove un focolaio di quindici infezioni resistenti ai farmaci ha innescato un allarme senza precedenti, di cui si sono occupati tutti i principali organi di stampa.
fonte:www.siamonapoletani.org

Commenta