Emma Morano, 117 anni, è la più vecchia al mondo: il segreto della sua longevità

Emma Morano di Vercelli, una simpatica signora piemontese di 117 anni, è la persona più anziana del mondo. Emma, già decana d’Italia e d’Europa, acquista il titolo che era di Susannah Mushatt Jones, afroamericana di New York,  di 116 anni,  che si è spenta in una casa di riposo di Brooklyn.

Emma vive a Pallanza (Verbania) ma è nata a Civiasco in provincia di Vercelli il 29 novembre 1899, è ora l’unica persona al mondo a essere nata prima del primo gennaio 1900.

Il settimanale Oggi l’ha incontrata insieme al suo medico curante, Valter Longo, uno degli studiosi dell’invecchiamento più noti a livello mondiale, che ha svelato il segreto della sua longevità. A partire dai 90 anni, il suo menu si è assestato così: tre uova tutti i giorni (due crude e una sotto forma di frittatina), un semolino, un etto e mezzo di carne macinata di manzo, che mangia scondita e cruda. “La dieta conta, è ovvio”, spiega Longo, “ma se prendete 100 centenari, troverete 100 diversi potenziali menu di lunga vita”. Nel caso di Emma Morano “l’alimentazione di certo è stata ricca di vegetali, con tanto di riso e minestroni, e solo in età molto avanzata sono stati introdotti più ingredienti di origine animale”.

Oltre alla dieta, è fondamentale anche la componente genetica: “Emma è l’ulteriore conferma che il corredo genetico giusto fa la differenza, e moltiplica le possibilità che una persona raggiunga i 100 anni”. La signora Morano (prima di otto figli, tre maschi e cinque femmine, che oggi non ci sono più) appartiene a una famiglia dove diversi componenti hanno superato il limite comune della vita umana: madre e due sorelle ultranovantenni e un’altra spentasi a 102 anni. Longo continua: “La scienza conferma: è emerso che per i figli dei centenari, rispetto alla popolazione generale, il rischio di ammalarsi di ipertensione, ictus e diabete si dimezza”. Non solo, “basta avere un genitore che superi la boa degli 87 anni per vedere l’incidenza del cancroridursi del 24 per cento”.

La precedente detentrice del titolo di persona più anziana del mondo, Susannah Mushatt Jones, era nata nel luglio del 1899  in una piccola fattoria vicino a Montgomery in Alabama ed era entrata nel Guinness dei primati nel 2105 dopo la morte della giapponese Misao Okawa, di 117 anni.

A chi le chiedeva il segreto della sua longevità rispondeva che sono le piccole cose a fare la differenza: aver vissuto gran parte della sua vita nello stesso posto in cui era nata, molte ore di sonno e tutte le mattine fare colazione a base di pancetta, uova e semola di mais.

In 116 anni di vita ha vissuto molte esperienze, ha visto tante cose cambiare e ha avuto solo due grandi amori, quello per i bambini – anche se non è riuscita mai a diventare madre – e quello per la pancetta, e ha aggiunto: “Non ho mai bevuto o fumato. Sono sempre stata circondata da energie positive e amore. Questo è il segreto per una vita lunga e felice“.

Dunque, le due nonnine hanno in comune la passione per le uova.

fonte

Commenta